Metanodotto Linea Adriatica: pressione di collaudo errata?

Bozza ancora in fase di controllo: chi riscontrasse inesattezze farebbe cosa gradita segnalandole.

Il punto interrogativo del titolo è giustificato dal fatto che la procedura ha origini molto lontane nel tempo e, come le altre del genere, contiene un’infinità di documenti: è difficile sapere quali documenti siano validi e quali siano stati aggiornati o annullati. Con questa premessa e invitando alla massima cautela, questi sono alcuni documenti consultati a proposito della procedura di collaudo idraulico delle tubazioni del tratto Sestino-Minerbio.

Nota: il documento DVA-2014-0025650 esclude la necessità di VIA per le varianti in quanto non inducono elementi tali da modificare in modo sostanziale gli effetti già valutati nel procedimento VIA del progetto. Data la grande distanza temporale tra la VIA e le varianti, si pone il problema della validità dei documenti più vecchi in considerazione delle modifiche avvenute nei territori e apportate alle normative.

Documento SPC.LA-E-83044 di agosto 2012 scaricato dalla procedura “varanti“.

A pagina 21 dello stesso documento:

Testo del DM 17 aprile 2008 MISE tratto da documenti Snam

Risulta quindi che per il metanodotto Sestino-Minerbio, essendo destinato a un gas con densità 0,72, è applicabile il DM 17/072008 e che, essendo la pressione massima di esercizio 75 bar, rientra nelle condotte di 1a specie per le quali la pressione di collaudo deve essere pari ad almeno 1,3 MOP (MOP = Maximum Operating Pressure – Pressione Massima di esercizio)

In quel documento, correttamente, è indicato:

Ma poi ci sono documenti nella procedura “VIA” che si è svolta dal 2005 al 2008.

SPC.LA-E-83014 del maggio 2006 (quindi emesso prima del DM del 2008)

E così pure per SPC.LA-E-83061 di luglio 2007 pag. 10 e 15: SPC.LA-E-83019 di maggio 2007 pag. 10 e 15

La tabella di riepilogo della procedura, però, indica come data del Decreto VIA il 09/12/2008, quindi successiva a quella del DM che fissa le prescrizioni per i collaudi.

DOMANDE: al momento dell’emissione del decreto di VIA (fine 2008) erano validi i documenti emessi prima del 2008? E adesso sono stati aggiornati/sostituiti da altri? Le eventuali proroghe hanno tenuto conto delle prescrizioni del DM 17/04/2008?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.